Visualizzazioni totali

giovedì 7 agosto 2014

La Storia Di Glen Benton: Tutte Le Controversie (Deicide)

I Deicide nacquero a Tampa (Florida) nel 1987 col nome Carnage.
Dopo che Glen Benton si unì al gruppo, cambiarono nome in Amon.
In questo periodo vennero distribuiti i demo Feasting The Beast (1987) e Sacrificial (1989).
Nel 1989 il nome del gruppo fu cambiato in Deicide.
Insieme a Benton, la band venne fondata dai fratelli Hoffman e dal batterista Asheim.


PROBLEMI CON GLI ANIMALISTI E I BLACKSTERS
Oltre che come musicista, Benton divenne famoso per essere un convinto satanista, dimostrando tale convinzione facendosi marchiare a fuoco sulla fronte una croce rovesciata, appena iniziata la carriera con i Deicide.
Nei primi anni 90 a causa di alcune sue dichiarazioni, il frontman dei Deicide si attira le ire del gruppo animalista inglese “Animal Militia”, che minaccia Glen Benton garantendogli che non uscirà vivo dall'Inghilterra continuando così.
Nel 1993 i Deicide vengono accusati di essere gli ispiratori di alcuni seviziatori di animali e ancora una volta Glen Benton è nel mirino mediatico (disse di aver ucciso degli scoiattoli in un'intervista)
Finirono ulteriormente nell'occhio del ciclone, quando due ragazzi americani loro fans sgozzarono il loro cane.
Sempre nello stesso periodo in Scandinavia, vi era una fortissima avversione di alcuni fanatici del Black Metal (Inner Circle) nei confronti del Death Metal.
Durante un tour europeo con gli olandesi Gorefest, i Deicide subirono un attentato: mentre i Gorefest erano sul palco ad Oslo, una bomba esplose sul palco.
Nonostante molti attribuiscano la responsabilità dell'attentato ad attivisti animalisti adirati per le dichiarazioni ed i testi della band sul sacrificio di animali, il cantante Glen Benton attribuisce la responsabilità dell'attentato a fanatici della scena Black Metal.
Questa tesi è avvalorata dal fatto che in quegli anni Euronymous dei Mayhem disprezzava il nuovo corso della scena death metal, da lui ritenuto incoerente e venduto.

Benton: "Quando conobbi Euronymous aveva con se una mazza ferrata, anche se pareva più che avesse rubato le zampe del tavolo di cucina di sua madre e ci avesse schiaffato dei chiodi. Indossava una di quelle mantelline che compri per Halloween in quei negozi che vendono tutto a un dollaro. Mi portarono nel backstage e mi dissero "Uranus", o roba del genere,"dei Mayhem e qui e vuole conoscerti". Ci andai e lui nel suo inglese stentato mi disse " Io non avevo nessun problema con te, ma ci sono i Gorguts che non sono mica una vera band Death Metal e nemmeno Black". Io me ne stavo li seduto con un sorrisone stampato in faccia della seria "Eh si, hai proprio ragione, ma senti un pò...". Manco lo sapevo che fosse un tipo così importante, a me sembrava solo un babbeo qualunque!"


ALTRE QUESTIONI AMBIGUE
Suscita anche scalpore la sua dichiarazione di voler togliersi la vita all’età di 33 anni: una promessa che con il passare del tempo non viene mantenuta(ora ne ha 37).
Decise in seguito anche di chiamare suo figlio Daemon.
Dichiarò anche di "Non voler prendere aerei per non sentirsi troppo vicino a Dio".

Benton: "Anni fa organizzai un combattimento con un redneck (bianco caucasico degli USA meridionali), sino a che uno dei due non sarebbe stramazzato a terra"

Benton: "Ci dovrebbe essere una legge che impedisce di sposarsi quando si hanno meno di 38 anni! Quando siamo giovani, in particolare gli uomini, è nel nostro DNA scopare e scopare, ma quando si invecchia ci si inizia a guardare indietro dicendo 'Che cazzo avevo in testa?' "

Benton: "Io non presto molta attenzione ai cristiani. 
Ciò che mi rompe davvero è quando vengono a casa mia, in particolare i testimoni di Geova. 
Io dico loro che c'è un segno in fronte che dice grossomodo 'Non disturbare' ma loro insistono dicendo che non stanno vendendo nulla! Tutto ciò è abbastanza stupido"

Benton: "Anni fa ricevetti per posta una miscela di sangue e peli pubici il tutto rinchiuso in una busta. 
Il documento è stato imbrattato con sangue di figa. 
Da lì chiusi la mia casella postale pensando 'ho finito con queste stronzate. Tenerlo? No!' L'ho buttato nel bidone della spazzatura presso l'ufficio postale"


TESTI ED ESPULSIONE DA CONCERTI
Come è facile aspettarsi da una band così smaccatamente anti-cristiana sono stati duramente criticati anche per i loro testi fortemente anticristiani.
I Deicide sono stati banditi da molti concerti e festival, ad esempio a Valparaiso, Cile.
La ragione, in questa occasione, era il poster promozionale della band, che raffigurava il Cristo con la fronte trapassata da un proiettile.
In un'altra occasione alla band è stata negata la partecipazione all'Hellfest festival a causa della profanazione di numerose tombe nelle vicinanze del concerto, sulle quali era stato scritto "When Satan Rules His World" con vernice spray.
La frase era tratta dal titolo di una canzone tratta dall'album Once Upon The Cross (1995)
Recentemente, il loro video musicale Homage For Satan, che rappresenta un gruppo di zombie che danno la caccia ad un prete, è stato bandito dalla rete televisiva inglese Scuzz TV.


DISCHI
Nel 1990 esce il primo omonimo disco dei Deicide, un album contrassegnato da un robusto Death Metal e dal growl inferocito del cantante/bassista Glen Benton con Sacrifical Suicide che segna la storia ed attira su di sè, come è facile immaginare, tante critiche.
Ma anche Death By Down, Crucifixation ed Oblivious To Evil ottengono un grande successo.
Ma la consacrazione arriverà solo nel 1992 con Legion che testimonia tutta la potenza e la feroce blasfemia che caratterizza i Deicide.
E' proprio in questo periodo che risalgono le accuse degli animalisti.
In Hell I Burn, Repent To Die, Dead But Dreaming e Satan Spawn The Caco-Daemon son classici ancora oggi.
Si tratta di un Death, anzi Brutal Death, velocissimo e con la voce aggressiva e cavernosa di Glen Benton.
Il terzo album, Once Upon The Cross esce nel 1995 con una controversa copertina che scatena diversi commenti negativi e la grandissima Kill The Christian.
Anche Christ Denied, When Satan Rules His World, Once Upon The Cross e la scandalistica Confessional Rape confermano l'anticristianità dei Deicide.
Serpents Of The Light è del 1997, probabilmente il meno riuscito dei primi quattro ma con canzoni leggendarie come Bastard Of Christ o la titletrack.
Per non parlare di Slave To The Cross.

Un anno dopo esce il live When Satan Lives, mentre a distanza di due anni i Deicide ricompaiono con Insineratehymn.
Bible Basher e Forever Hate You aprono bene il platter ma il crollo di qualità è dietro l'angolo: non è certo un disco che passerà alla storia.
Seguono poi In Torment In Hell (2001)e Scars Of The Crucifix (2004).
Come si sarà capito è probabilmente questo il periodo più difficile per la band.
Anche se il live succitato prima rimane veramente di qualità e notevole per la sua brutalità.
Scars Of The Crucifix cerca di rinvedire gli esordi della band, sicuramente meglio rispetto ai predecessori ma gli esordi rimangono una chimera (anche se il disco si lascia ascoltare).



Seguono Stench Of Redemption (2006) e Till Death Do Us Part (2008) nel quale le prime copie del cofanetto contenevano all'interno una toppa di stoffa recante la scritta "Glen Benton For President",con il viso del vocalist in bianco e nero.
In copertina è riportato il dipinto "La donna e la morte" di Hans Baldung.
Stench Of Redemption è invece caratterizzato da un chitarrismo nuovo per la band con assoli molto melodici e riff molto ispirati.
Nel 2011 esce To Hell With God, la decima fatica in studio del gruppo, quasi un ritorno alle origini anche se non molto riuscito.
L'ultimo disco è targato 2013: In The Minds Of Evil con Asheim sugli scudi ed una produzione sicuramente più rude ed azzeccata della precedente.
Sotto certi versi la band fa il verso ad Once Upon The Cross e il risultato non è disprezzabile.


Nessun commento:

Posta un commento